Cercare lavoro partendo da un buon curriculum

Per cercare lavoro il punto di partenza è rappresentato dal curriculum che, da parte del candidato, può essere inviato a mezzo posta, può essere consegnato in modalità cartacea al momento del colloquio, oppure si può inviare, così come avviene nella maggioranza dei casi, a mezzo posta elettronica. Per impostare un curriculum in genere si utilizza il cosiddetto modello europeo, ma se non è espressamente richiesto di norma è possibile strutturarlo anche sfruttando quella che è la propria creatività.

Nel caso di Bacheca Lavoro di FarmaciaVirtuale.it il curriculum è caricato in forma totalmente digitale e non è necessario alcun tipo di ulteriore onere.

Ad ogni modo, oltre ad avere a portata di mano sempre almeno un paio di copie cartacee del proprio curriculum, è necessario anche averlo sempre su penna USB e pure su sistema cloud in quanto spesso le occasioni di trovare lavoro possono presentarsi in situazioni insolite ed inattese. Così come è fondamentale avere copie cartacee e digitali del proprio curriculum aggiornato in lingua inglese.

Detto questo, il curriculum deve rappresentare in ogni caso non solo uno strumento per trovare lavoro, ma anche per valutare, mantenendolo sempre aggiornato, i miglioramenti che sono stati effettuati nel tempo riguardo alle esperienze lavorative pregresse anche se queste sono state di breve durata. Ed ancora, essendo il curriculum la chiave per accedere al colloquio/intervista di selezione, è chiaro che non deve essere troppo corto ma neanche troppo lungo. In genere la lunghezza ideale complessiva non deve superare le due pagine evitando tra l’altro di indicare dati come quelli relativi allo stipendio richiesto ed a quello precedentemente percepito.

In un buon curriculum non deve mancare la parte iniziale, in bella evidenza, con nome e cognome, con tutti i riferimenti personali ed i numeri di telefono, dopodiché si possono inserire nell’ordine le competenze, le conoscenze informatiche, le lingue straniere, le esperienze professionali, l’istruzione e la formazione includendo le informazioni su diploma, laurea, corsi e master.

E’ possibile aggiornare il proprio curriculum, in ogni momento, accedendo alla propria area con nome utente e password.

In più, oltre alla liberatoria sul trattamento dei dati personali ai fini della selezione e del reclutamento, una delle informazioni chiave che non deve mancare nel curriculum è la disponibilità alle trasferte. L’indicazione ottimale sarebbe quella di essere disponibili a trasferte senza limiti geografici, ma se per qualche ragione siete disposti a trasferte solo in Italia è bene indicarlo nel curriculum altrimenti potrebbero offrirci un posto di lavoro che magari poi non si potrà accettare.

Ed in generale è fortemente sconsigliato fornire informazioni poco chiare, o ancor peggio dati errati in sede di colloquio, in quanto poi successivamente le aziende effettuano sempre dei controlli che possono sfociare, a conferma o smentita di quanto detto al selezionatore, nella richiesta di esibire apposita documentazione.