Come cercare lavoro conoscendo le lingue straniere

Nel cercare lavoro spesso l’esito di un colloquio è strettamente legato alla conoscenza delle lingue straniere. Che si tratti di un lavoro d’ufficio da dipendente su postazione fissa, o di un lavoro sempre da dipendente ma di rappresentanza, conoscere le lingue straniere è fondamentale e sempre più importante per la piena comprensione delle mansioni da svolgere e per dialogare con i clienti e con i fornitori, e sempre più spesso pure con i propri superiori. Molto spesso, infatti, non solo le grandi aziende italiane, ma anche le piccole e medie imprese, per stare sul mercato e per crescere si avvalgono dell’esperienza di manager di nazionalità straniera.

La lingua straniera da conoscere in via praticamente obbligatoria è chiaramente l’inglese, ma in sede di colloquio con il selezionatore da parte del lavoratore italiano madrelingua è richiesta, o comunque è gradita, pure la conoscenza di una seconda lingua straniera che in genere è rappresentata dal francese o dalla lingua tedesca fermo restando che è anche quella araba la lingua sempre più ricercata, specie negli ultimi anni, da parte delle aziende con spiccata vocazione internazionale.

Lavorare conoscendo le lingue straniere è poi fondamentale per il dipendente che periodicamente è chiamato ad effettuare delle trasferte per l’aggiornamento professionale, per incontri con i clienti esteri ed anche per brevi periodi di lavoro presso le divisioni estere dell’azienda. Fondamentale è anche saper scrivere bene in lingue diverse da quella italiana, ed in particolar modo in lingua inglese visto che spesso con i clienti esteri occorre illustrare e spiegare dati ed obiettivi di business attraverso presentazioni e relazioni che poi magari dovranno essere consegnate in copia ai nostri superiori.

Detto questo, conoscendo le lingue straniere non solo è più facile trovare lavoro e dare una spinta decisiva alla propria carriera, ma nella vita di tutti i giorni si acquista maggiore sicurezza, e si tende ad essere più tolleranti in quanto c’è una maggiore propensione a sperimentare nuove culture. Non a caso coloro che conoscono le lingue straniere di norma amano viaggiare, trovano con più facilità nuovi amici ed in genere sono anche in grado di prendere le decisioni migliori.

Da uno studio che è stato realizzato dall’Università di Chicago, infatti, è emerso che le persone bilingue risultano essere più abili non solo a decidere meglio, ma anche a farlo più velocemente. La conoscenza di almeno una lingua straniera, quindi, permetterebbe di semplificare quelle che sono le piccole e grandi scelte di vita.